Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

Newsletter

Accesso area riservata

Listeria nel formaggio Coeur de Neufchatel. Auchan ritira il prodotto.

Risultati immagini per auchanAuchan si scusa e invita i clienti a non consumare il prodotto e a restituire le confezioni ai punti vendita per il rimborso


Auchan, catena di supermercati presente in molte città italiane, ha pubblicato l'avviso per il richiamo del formaggio Coeur de Neufchatel a latte crudo da 200 grammi della marca MMM! Auchan .

1-54-27


Il ritiro dagli scaffali infatti riguarda esclusivamente il lotto 070715FP5 con scadenza il 05/09/ 2015 (codice EAN 3596710333325). Il formaggio è stato ritirato in seguito alla comunicazione da parte del produttore La Fromagerie del Pays du Bray, per la presenza di presenza di Listeria monocytogenes.


L’azienda si scusa e invita i clienti a non consumare il prodotto e a restituire le confezioni ai punti vendita per il rimborso. Il Fatto Alimentare, ormai punto di riferimento per la sicurezza alimentare in Italia, ha chiesto all’azienda perché sia stata comunque lanciata l’allerta anche se supera la data di scadenza. Ecco la risposta:

“Abbiamo appreso da Auchan Francia la necessità del ritiro e richiamo del formaggio in oggetto. Ci é stato illustrato direttamente dal fornitore francese, produttore del formaggio che la decisione, del tutto cautelativa, di attivazione del ritiro/richiamo si basa su due osservazioni:  -la data di scadenza del prodotto è di fatto per le sue caratteristiche una data di “preferibile consumo” quindi qualche cliente potrebbe non averlo ancora consumato. -inoltre il periodo di incubazione della Listeria è di minino tre settimane, fino ad un massimo di otto, dunque qualche cliente, che ha consumato il prodotto entro il 5/09 potrebbe manifestare ancora in questi e nei prossimi giorni dei sintomi e dunque le autorità francesi hanno valutato che tale informazione dovesse essere divulgata. Trattandosi di allerta internazionale, abbiamo dovuto procedere in tal senso anche noi".


 

Listeria e Salmonella in prodotti a base di carne suina per gli USA. Nuove disposizioni.

Risultati immagini per suinoListeria monocytogenes e Salmonella spp. nei prodotti a base di carne suina destinati all’export negli USA - criteri e modalità di gestione dell’autocontrollo aziendale e modalità di verifica dell’Autorità Competente

Il Ministero della Salute ha diffuso nuove disposizioni sull'autocontrollo e la verifica ufficiale riguardanti L. monocytogenes e Salmonella spp. nei prodotti a base di carne suina destinati agli USA.
La nota ministeriale è stata emanata dalla Direzione Generale della sicurezza alimentare per assicurare l’equivalenza nei controlli tra sistema USA e sistema Italia nel settore della produzione di prodotti a base di carne, ai fini dell’export di questi prodotti verso il mercato USA. Vi sono descritte le attività degli stabilimenti autorizzati all’export di prodotti a base di carne negli USA volte a sostituire precedenti disposizioni (nota DGISAN 44986 del 3 dicembre 2014). Le novità sono in vigore dall'emanazione della nota stessa.

Spiega il Direttore Generale Giusepper Ruocco che la revisione "si è resa necessaria per chiarire taluni aspetti legati alla gestione delle non conformità evidenziate sia in autocontrollo che in controllo ufficiali per campionamenti per la ricerca di Listeria monocytogenes e Listeria spp". In particolare, il Ministero porta l’attenzione del personale addetto ai controlli ufficiali e degli OSA sui alcuni argomenti quali le azioni  conseguenti a positività su NFCS; il follow up - attività da mettere in atto in seguito di una positività in autocontrollo; il programma intensificato di campionamento in seguito di positività al follow up in autocontrollo o in seguito a positività in controllo ufficiale;le azioni successive alla comunicazione di positività per Listeria o Salmonella in autocontrollo e il prelievo di campioni e test di laboratorio;
Il documento è corredato da schemi riepilogativi delle azioni conseguenti a positività per Listeria.

I Servizi Veterinari Regionali sono incaricati di informare le Asl e gli stabilimenti del territorio delle sopravvenute modifiche.

Scarica il pdf della nota ministeriale.

   

La FDA richiede dati sui formaggi a latte crudo.

FDA Logo 31/07/15 La FDA richiede dati sui formaggi a latte crudo.

 

La Food and Drug Administration ha richiesto dati scientifici e informazioni che potrebbero aiutare l'agenzia a identificare e valutare le misure per ridurre l'impatto dei rischi microbiologici legati ai formaggi prodotti con latte crudo non pastorizzato.

Questa richiesta fa parte di un'iniziativa condotta dall'Agenzia con l'industria e le altre parti interessate per analizzare i potenziali rischi per la salute dei consumatori legati al consumo di tali prodotti, in particolare per le categorie più a rischio, come anziani, bambini, donne in gravidanza e immunodepressi.

per maggiori informazioni >>

   

Vasto focolaio di listeriosi legato al gelato Blue Bell

Questo è stato un complesso focolaio di listeriosi verificatosi nell'arco di diversi anni. Le indagini si sono avvalse di una rete di tipizzazione molecolare degli isolati di L. monocytogenes (PulseNet) che viene utilizzata normalmente per le indagini epidemiologiche in corso di focolai tossinfettivi. Attualmente il sistema utilizza sia la tecnica dell'elettroforesi in campo pulsato (PFGE) che il sequenziamento del genoma dei microrganismi(WGS) per la caratterizzazione degli isolati umani ed alimentari.

In questo focolaio 10 casi di listeriosi sono stati segnalati in 4 Stati: Arizona (1), Kansas (5), Oklahoma (1), Texas (3). I casi si sono verificati nel periodo gennaio 2010 al gennaio 2015. Tutti i 10 casi sono stati ricoverati e 3 di essi hanno avuto un esito fatale.

L'indagine retrospettiva ha consentito di verificare l'identità genetica degli isolati umani con quelli provenienti dai campioni di gelato prodotto dalla Ditta Blue Bell.

L'indagine ha avuto origine nel mese di febbraio 2015 quando il Dipartimento della Salute e Controllo Ambientale della Carolina del Sud nell'ambito delle attività di sorveglianza ha isolato L. monocytogenes da campioni di "Chocolate Chip Country Cookie Sandwiches" e "Great Divide Bars" prelevati presso un centro di distribuzione e prodotti dalla Ditta Blue Bell.

In seguito a tale segnalazione i Servizi Sanitari del Dipartimento di Sato del Texas hanno effettuato un campionamento degli stessi prodotti presso lo stabilimento di produzione della "Blue Bell Creameries" in Brenham, Texas. Gli esami hanno consentito di isolare L. monocytogenes dagli stessi prodotti, oltre che da un altro gelato denominato "Scoops" prodotto sulla stessa di linea di produzione. Complessivamente sono stati identificati 7 diversi profili PFGE.

Nel mese di marzo 2015, le Autorità sanitarie del Kansas hanno identificato due casi di listeriosi nelle stesso ospedale sostenuti da genotipi di L. monocytogenes assimilabile ai ceppi dell'industria Blue Bell. Ulteriori tre casi, legati ad altrettanti profili PFGE, sono stati individuati nelle stesso Ospedale. Tutti i casi erano stati ricoverati per problemi diversi prima di sviluppare la forma invasiva di listeriosi. Questo rilievo era fortemente suggestivo dell'acquisizione dell'infezione in ambito ospedaliero.

Gli isolati, in quattro dei cinque casi, presentavano un profilo genetico assimilabile a quello identificato nelle indagini del South Carolina e Texas. Anche se alcuni dei casi risalivano ad un anno prima dell'inizio dell'indagine, il rilievo anamnestico del consumo in ambito ospedaliero di frullati preparati con il prodotto "Scoops" avvalorava l'ipotesi sull'origine del contagio. Anche l'analisi dell'intero genoma di questi quattro isolati ne confermava una notevole similarità genetica. Il quinto isolato mostrava delle caratteristiche genetiche diversa dagli altri e non riferibile ai profili osservati negli isolati da gelato anche se l'inchiesta anamnestica confermava l'esposizione al consumo di frullati preparati con i prodotti Blue Bell. Il periodo di insorgenza dei casi andava dal gennaio 2014 al gennaio 2015.

Il 13 marzo 2015 la ditta Blue Bell ha ritirato i prodotti dal commercio e chiuso la linea di produzione in Texas.

Leggi tutto...

   

Focolaio USA - listeriosi e mele caramellate. Aggiornamento

Case count map, click for more details.12/01/15. Identificata la fonte della contaminazione delle mele caramellate responsabili del recente focolaio di listeriosi in USA.


Un impianto di lavorazione di mele confezionate nella contea di Kern (California) è stato collegato ai casi di listeriosi occorsi recentemente negli Stati Uniti.

La Bidart Bros., con base in Bakersfield, ha richiamato tutti i suoi ordini di mele Granny Smith e Gala provenienti dallo stabilimento Shafter ed inviate nel corso della fine dello scorso anno (2014).

Le mele vengono vendute con il marchio "Big B" e "Granny's Best", ma possono essere commercializzate con denominazioni differenti o addirittura sfuse.

I consumatori sono stati invitati a chiedere espressamente ai negozianti se le mele siano fornite da Bidart Bros.

La frutta è stata collegata al focolaio di listeriosi dovuto al consumo di mele caramellate. Le mele erano rivestite in una Ditta differente ma la contaminazione è stata identificata nella linea di produzione delle mele ed in particolare nello stabilimento di Shafter della Bidart.

Il microrganismo avrebbe causato 7 decessi su un totale di 32 casi di malattia in 11 Stati.

Il Direttore Sanitario della Contea di Kern, Donna Fenton, ha affermate che alcune mele potrebbero essere ancora in vendita. "Listeria è un microrganismo che ama le basse temperature, così tende a contaminare cose di cui non si sospetta, come le mele o le mele caramellate".

Il microrganismo può contaminare altri alimenti nel frigorifero, così i consumatori che hanno acquistato la frutta incriminata sono invitati a disinfettare le pareti e i ripiani dei loro frigoriferi.

Il focolaio è stato causato da due ceppi geneticamente distinti di Listeria monocytogenes collegati al consumo di mele caramellate. Oltre ai 32 casi negli Stati Uniti, di cui 7 mortali, due casi riferibili ad uno dei due genotipi, sono stati segnalati in Canada.

Tutte le aziende di trasformazione coinvolte avevano ricevuto le mele dallo stesso fornitore (Bidart Bros.), in data 08/01/15 la Food and Drug Administration ha confermato la identità genetica degli isolati alimentari con quelli clinici.

 

Guada un video relativo alla comunicazione del focolaio.

   

Listeriosi e mele caramellate. Focolaio multi-Stato negli Stati Uniti..

22 dicembre 2014. Un totale di 29 casi di listeriosi sono stati segnalati in 10 stati: Arizona (4), California (1), Minnesota (4), Missouri (5), New Mexico (5), North Carolina (1), Texas (4), Utah (1), Washington (1), e Wisconsin (3). Le date di insorgenza dei casi vanno dal 17 Ottobre al 27 novembre 2014. Nove casi si sono verificati in donne in stato di gravidanza o in neonati. Non sono stati riportati casi di aborto. Negli altri casi l'età dei pazienti variava tra 7 e 92 anni, con un'età media di 66 anni, e il 41% era di sesso femminile. Tre casi di meningite si sono verificati tra i bambini di età compresa tra 5-15 anni in assenza di fattori di rischio predisponenti. Tutti i 29 malati sono stati ospedalizzati, sono stati riportati cinque decessi. In almeno 3 dei decessi la listeriosi è stata la causa della morte.

Le informazioni diffuse da CDC indicano un potenziale fonte della contaminazione nelle mele caramellate preconfezionate. Il sospetto della potenziale associazione di questa fonte ai casi è derivato dallo studio epidemiologico che avrebbe consentito di verificare che 20 (87%) dei 23 malati intervistati ha riferito di aver consumato mele caramellate preconfezionate prima di ammalarsi. Anche se al momento non è stato identificato un marchio specifico del prodotto commerciale, la forte associazione epidemiologica suggerisce di adottare misure di cautela nel consumo di questo genere di alimenti. Notevoli sforzi sono in campo per identificare rapidamente la eventuale marca o tipologia del prodotto responsabile dell'epidemia.

Fonte CDC: http://www.cdc.gov/listeria/outbreaks/caramel-apples-12-14/index.html

 

Leggi tutto...