Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

Focolaio USA - listeriosi e mele caramellate. Aggiornamento

Case count map, click for more details.12/01/15. Identificata la fonte della contaminazione delle mele caramellate responsabili del recente focolaio di listeriosi in USA.


Un impianto di lavorazione di mele confezionate nella contea di Kern (California) è stato collegato ai casi di listeriosi occorsi recentemente negli Stati Uniti.

La Bidart Bros., con base in Bakersfield, ha richiamato tutti i suoi ordini di mele Granny Smith e Gala provenienti dallo stabilimento Shafter ed inviate nel corso della fine dello scorso anno (2014).

Le mele vengono vendute con il marchio "Big B" e "Granny's Best", ma possono essere commercializzate con denominazioni differenti o addirittura sfuse.

I consumatori sono stati invitati a chiedere espressamente ai negozianti se le mele siano fornite da Bidart Bros.

La frutta è stata collegata al focolaio di listeriosi dovuto al consumo di mele caramellate. Le mele erano rivestite in una Ditta differente ma la contaminazione è stata identificata nella linea di produzione delle mele ed in particolare nello stabilimento di Shafter della Bidart.

Il microrganismo avrebbe causato 7 decessi su un totale di 32 casi di malattia in 11 Stati.

Il Direttore Sanitario della Contea di Kern, Donna Fenton, ha affermate che alcune mele potrebbero essere ancora in vendita. "Listeria è un microrganismo che ama le basse temperature, così tende a contaminare cose di cui non si sospetta, come le mele o le mele caramellate".

Il microrganismo può contaminare altri alimenti nel frigorifero, così i consumatori che hanno acquistato la frutta incriminata sono invitati a disinfettare le pareti e i ripiani dei loro frigoriferi.

Il focolaio è stato causato da due ceppi geneticamente distinti di Listeria monocytogenes collegati al consumo di mele caramellate. Oltre ai 32 casi negli Stati Uniti, di cui 7 mortali, due casi riferibili ad uno dei due genotipi, sono stati segnalati in Canada.

Tutte le aziende di trasformazione coinvolte avevano ricevuto le mele dallo stesso fornitore (Bidart Bros.), in data 08/01/15 la Food and Drug Administration ha confermato la identità genetica degli isolati alimentari con quelli clinici.

 

Guada un video relativo alla comunicazione del focolaio.