Joomla Templates and Joomla Extensions by JoomlaVision.Com

Vasto focolaio di listeriosi legato al gelato Blue Bell

Questo è stato un complesso focolaio di listeriosi verificatosi nell'arco di diversi anni. Le indagini si sono avvalse di una rete di tipizzazione molecolare degli isolati di L. monocytogenes (PulseNet) che viene utilizzata normalmente per le indagini epidemiologiche in corso di focolai tossinfettivi. Attualmente il sistema utilizza sia la tecnica dell'elettroforesi in campo pulsato (PFGE) che il sequenziamento del genoma dei microrganismi(WGS) per la caratterizzazione degli isolati umani ed alimentari.

In questo focolaio 10 casi di listeriosi sono stati segnalati in 4 Stati: Arizona (1), Kansas (5), Oklahoma (1), Texas (3). I casi si sono verificati nel periodo gennaio 2010 al gennaio 2015. Tutti i 10 casi sono stati ricoverati e 3 di essi hanno avuto un esito fatale.

L'indagine retrospettiva ha consentito di verificare l'identità genetica degli isolati umani con quelli provenienti dai campioni di gelato prodotto dalla Ditta Blue Bell.

L'indagine ha avuto origine nel mese di febbraio 2015 quando il Dipartimento della Salute e Controllo Ambientale della Carolina del Sud nell'ambito delle attività di sorveglianza ha isolato L. monocytogenes da campioni di "Chocolate Chip Country Cookie Sandwiches" e "Great Divide Bars" prelevati presso un centro di distribuzione e prodotti dalla Ditta Blue Bell.

In seguito a tale segnalazione i Servizi Sanitari del Dipartimento di Sato del Texas hanno effettuato un campionamento degli stessi prodotti presso lo stabilimento di produzione della "Blue Bell Creameries" in Brenham, Texas. Gli esami hanno consentito di isolare L. monocytogenes dagli stessi prodotti, oltre che da un altro gelato denominato "Scoops" prodotto sulla stessa di linea di produzione. Complessivamente sono stati identificati 7 diversi profili PFGE.

Nel mese di marzo 2015, le Autorità sanitarie del Kansas hanno identificato due casi di listeriosi nelle stesso ospedale sostenuti da genotipi di L. monocytogenes assimilabile ai ceppi dell'industria Blue Bell. Ulteriori tre casi, legati ad altrettanti profili PFGE, sono stati individuati nelle stesso Ospedale. Tutti i casi erano stati ricoverati per problemi diversi prima di sviluppare la forma invasiva di listeriosi. Questo rilievo era fortemente suggestivo dell'acquisizione dell'infezione in ambito ospedaliero.

Gli isolati, in quattro dei cinque casi, presentavano un profilo genetico assimilabile a quello identificato nelle indagini del South Carolina e Texas. Anche se alcuni dei casi risalivano ad un anno prima dell'inizio dell'indagine, il rilievo anamnestico del consumo in ambito ospedaliero di frullati preparati con il prodotto "Scoops" avvalorava l'ipotesi sull'origine del contagio. Anche l'analisi dell'intero genoma di questi quattro isolati ne confermava una notevole similarità genetica. Il quinto isolato mostrava delle caratteristiche genetiche diversa dagli altri e non riferibile ai profili osservati negli isolati da gelato anche se l'inchiesta anamnestica confermava l'esposizione al consumo di frullati preparati con i prodotti Blue Bell. Il periodo di insorgenza dei casi andava dal gennaio 2014 al gennaio 2015.

Il 13 marzo 2015 la ditta Blue Bell ha ritirato i prodotti dal commercio e chiuso la linea di produzione in Texas.

Il 22 marzo 2015, il Dipartimento per la Salute e Ambiente del Kansas (KDHE) ha riportato l'isolamento di L. monocytogenes, con un profilo PFGE diverso dai precedenti, da un gelato al cioccolato monodose del marchio Blue Bell e prodotto dalla Compagnia Broken Arrow in Oklahoma. Il 23 marzo 2015 la Blue Bell ha annunciato il ritiro di diversi prodotti confezionati dalla dalla Compagnia Broken Arrow.

Il 3 aprile 2015, CDC ha riferito che altri casi potevano essere collegati al gelato prodotto alla Blue Bell Creameries, Oklahoma, ma mancavano sufficienti informazioni per confermare questa ipotesi. In totale 6 persone in Arizona (1), Oklahoma (1) e Texas (4) ammalatesi di listeriosi tra il 2010 e il 2014 presentavano isolati con profili di PFGE indistinguibili dagli isolati del gelato prodotto da Broken Arrow, Oklahoma. Le quattro persone segnalate in Texas sono state ospedalizzate per problemi indipendenti prima di sviluppare la listeriosi. Una di queste ha riferito di aver consumato il gelato in un ospedale del Texas prima di sviluppare la listeriosi; il Dipartimento per la Salute del Texas ha riferito che l'ospedale aveva ricevuto gelati della Ditta Blue Bell. Nessuno dei quattro casi in Texas ha avuto un esito fatale.

L'8 aprile 2015, CDC ha riferito che il sequenziamento del genoma ha confermato che tre dei quattro isolati da persone in Texas erano quasi identici a ceppi di Listeria isolati dal gelato prodotto presso lo stabilimento Blue Bell Creameries in Oklahoma. Queste tre persone sono stati aggiunte al conteggio dei casi del focolaio, portando il totale a 8 mentre il quarto caso è stato ritenuto indipendente.

Il 20 aprile 2015, Blue Bell Creameries ha volontariamente ritirato tutti i prodotti attualmente sul mercato.

Il 21 aprile, CDC ha riferito che l'intero sequenziamento del genoma ha confermato che le persone da Arizona (1) e Oklahoma (1) facevano parte del focolaio, portando il numero totale dei casi a 10.

Mappa riepilogaiva dell'indagine epidemiologica.